Siamo in: Confraternita » Chi Siamo

Il Cammino

Se le campagne del Bordeaux rappresentano, sulle larghe rive della Gironda, il centro della produzione enologica famosa in tutto il mondo per i Sauternes, i Medoc, i Graves ecc, che esse sanno offrire ai buongustai più esperti ed agli assaggiatori più raffinati; le vaste superfici che si stendono sui bordi del Piave e sulle sponde del Tagliamento e dell'Isonzo hanno il vanto di assicurare ai consumatori più attenti ed esigenti un gruppo di vini di grande classe dal Tocai, caldo e morbido, al Pinot Bianco armonico e leale, dal Picolit, di eccezionale finezza, al Verduzzo, asciutto e profumato, dal Merlot, straricco di umori vitali, al Cabernet, di inconfondibile nobiltà, e non ultimo il Prosecco, gaio e felice, che ricordano le più alte significazioni del succo della vite e ne esaltano i simboli storici con trasparente vitalità.

CornerCon la CONFRATERNITA DELLA VITE E DEL ViNO DEL VENETO ORIENTALE E DEL FRIULI VENEZIA GIULIA, riunitasi il 19 marzo 1969 per la sua prima tornata nelle accoglienti sale dell'albergo Spessotto di Portogruaro, si è voluto, accogliendo una felice idea del Professor Bruno Tagliapietra e coronato dal sagace lavoro organizzativo del Cavaliere Pasquale Terrida, dar vita ad un istituto ben articolato per i suoi scopi ed i suoi programmi che, in profondo rispetto alle nostre tradizioni agricole, valorizzasse i vini di tipica stoffa menzionati poc'anzi attraverso un'intelligente accordo con gli Enti che, in italia ed all'Estero, mirano a una maggiore conoscenza dei vini buoni, allo sviluppo delle attività turistiche legate alla bellezza del paesaggio, ai richiami dell'arte e all'espansione della gastronomia tenacemente fedele, in questo tempo turbato da tante gravi tensioni, ai genuini aromi delle ricette antiche ed alle serene regole della letizia conviviale. Meritoria è stata l'opera del Cavaliere Pasquale Terrida, infaticabile direttore della Mostra Campionaria Nazionale dei Vini di Pramaggiore, che ha saputo, con generoso entusiasmo, e dalla sua lunga esperienza, ricavare un grumo di energie assai utili alla rieducazione del gusto per ricercare le sottili gioie del palato non "tracannando" i vini cattivi e sofisticati, ma bevendo i nettari autentici con discrezione ed amore.
Questo nobile insegnamento ha portato la Confraternita verso manifestazioni profondamente sagge e verso incontri caratterizzati da una franca apertura spirituale, da una straordinaria carica di simpatia e da un senso di premurosa ospitalità.
Il cammino finora intrapreso dalla Confraternita per celebrare il Vino come elemento essenziale della vita è stato di notevole importanza.
Si sono, infatti intrapresi numerosi gemellaggi con le più importanti Confraternite italiane ed Estere e, citandone alcune non meno importanti delle altre:

  • Lega del Chianti; DUCATO dei Vini Friulani;
  • Cavalieri del Prosecco;
  • Sovrano e Nobilissimo Ordine dello Antico Recioto;
  • Confraternita della Vite e del Vino di Trento;
  • Serenissima Signoria dei Vini del Piave; Prioria del Rosso Conero;
  • Confraternita del Sagrantino di Montefalco;
  • Compagnia dei Vignaioli e Tavernieri di Torgiano;
  • Consorteria dell'Aceto Balsamico;
  • Osterreichische Weinbruderschaft di Vienna.

La Confraternita, attraverso ogni sua pubblicazione (Acta), tende a far conoscere sia sotto il profilo storico che enogastronomico, le ricchezze delle nostre Terre e delle nostre Regioni.
Ogni anno la Confraternita svolge una gita educativa nelle zone Vitivinicole d.O.C. d'italia e dell'Europa e, grazie alla collaborazione dei rappresentanti locali, partecipa alla conoscenza e, a sua volta far conoscere
le bellezze enoiche ed artistiche del luogo.
Dalla Valtellina, alla Liguria, alla Toscana, al Lazio, all'umbria, alle Marche, all'Emilia Romagna, nonché la Germania, l'Austria sono state visitate dalla Confraternita.
Attualmente la Confraternita è composta da n. 40 Confratelli che operano, come professionisti, nelle varie discipline lavorative (dall'Enologo, al Medico, al Ristoratore, al Commercialista ed altri), ma tutti uniti nel voler conoscere, ma soprattutto far conoscere le Virtù italiche.
La Confraternita è gestita da un Capitolo composto da un Gran Maestro, un Cancelliere, un Camerlengo, un Gastaldo ed un Cerimoniere e la Sede è presso la Seconda Porta della medioevale città di Sesto al Reghena in provincia di Pordenone.
Le Provincie che aderiscono alla Confraternita della Vite e del Vino del Veneto Orientale e del Friuli Venezia Giulia sono:
Venezia, Treviso, Udine, Pordenone, Trieste, Gorizia, Padova e Vicenza.

Nell'Assemblea del marzo 2008 la Confraternita si è voluta dare ulteriori compiti. Tra i principali vengono indette delle borse di studio per il miglior tesista del corso di laurea in Enologia, inoltre, viene indetto annualmente un convegno sulle problematiche viticole nazionali e regionali.





Privacy | Mappa | Web Agency